Skip to main content

SalvaFratino pagina generale

Fratino (Charadrius alexandrinus) è tra i più piccoli uccelli limicoli nidificanti in Italia. E’ una specie migratoria e gregaria, soprattutto nel periodo invernale e al di fuori del periodo di nidificazione. Il Fratino è una specie rara, protetta dalle convenzioni internazionali di Berna e di Bonn, divenuta negli ultimi anni in pericolo per la propria esistenza è stata inserita dall’Unione Europea tra le specie da tutelare prioritariamente della “Direttiva Uccelli” – Direttiva 79/409/CEE.

Il Fratino si nutre principalmente di insetti, molluschi, crostacei e vermi che cerca camminando con il becco aperto a livello del suolo oppure smuovendo il terreno umido con le zampe.

In Italia è una specie nidificante, migratoria regolare e svernante, lo ritroviamo lungo l’intero perimetro della penisola Italiana e delle isole. La migrazione avviene in base al luogo di nidificazione con gli esemplari settentrionali che migrano più di quelli meridionali; il diverso comportamento è probabilmente associato alle rigide temperature che si riscontrano nelle zone settentrionali e che accrescono la necessità di spostarsi in zone più calde. Il corpo raccolto e la colorazione grigio-brunastra dorsale e bianca ventrale (che però varia in base al periodo riproduttivo o meno, al sesso e all’età) rendono la specie particolarmente mimetica tra le dune e la battigia in cui si alimenta e nidifica. Le lunghe ed esili zampe da trampoliere permettono al Fratino di effettuare delle caratteristiche veloci corse, attuate in caso di disturbo o di spavento, dalle quali deriva il soprannome di curri-curri nel dialetto abruzzese.

fratino2E’ una specie che mostra una spiccata fedeltà al sito riproduttivo per cui di anno in anno le coppie tendono a costruire i propri nidi negli stessi siti degli anni precedenti. Durante il periodo riproduttivo il maschio scava diverse buchette sul terreno sabbioso o con scarsa copertura vegetale; in seguito la femmina ne sceglierà uno che, dopo essere stato rivestito con piccoli ciottoli o frammenti di conchiglie, accoglierà le uova (da uno a tre).

Schiusa delle uova avviene dopo circa un mese dalla deposizione e all’incirca 1 o 2 giorni prima della rottura è possibile sentire dall’interno delle uova i primi pigolii dei pulcini che, a quanto pare, vengono emessi per sincronizzare la schiusa. Ogni coppia difende attivamente il territorio di nidificazione, inseguendo e combattendo gli intrusi; i maschi sono in genere più aggressivi delle femmine.

Per proteggere le nidiate dai predatori o da qualsiasi altro intruso che si avvicina al nido, uomo compreso, il fratino utilizza un commovente comportamento: si allontana dal nido fingendo di avere un’ala rotta. In questo modo, sembrando una facile preda, attira l’attenzione del predatore che perde l’interesse per le uova e rincorre l’adulto falso-ferito allontanandosi dal nido; avendo messo in salvo la prole il fratino sfugge al predatore volando via.

Pulcini sono nidifughi e dopo circa 2 ore dalla nascita sono pronti ad abbandonare il nido per seguire gli spostamenti dei genitori. E’ proprio in questo momento che, estremamente piccoli e indifesi, i pulli rischiano maggiormente di essere predati.

A causa del marcato disturbo antropico e del degrado e della perdita di habitat, che provocano una considerevole riduzione delle popolazioni, il Fratino ha uno stato di conservazione sfavorevole in Europa.

Data la sua rarità, la specie viene censita annualmente monitorando il numero di nidi sulle spiagge, gli individui presenti, le uova che giungono alla schiusa e i piccoli che arrivano all’involo. Per avviare un monitoraggio costante della spiaggia di propria competenza, delle aree contigue e di tutta la costa di riferimento, l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano ha avviato nel 2011 il progetto SalvaFratino che annualmente coinvolge associazioni e volontari nella tutela dei nidi di Fratino.

salvafratino2012

salvafratino2013

salvafratino2014

Salvafratino 2015

Salvafratino 2016

Banner-segnalazioni

Pagine correlate

© 2017 Co.Ges. Area Marina Protetta Torre del Cerrano SS16 Km 431 - 64025 Pineto
P.iva IT90013490678 Tel/Fax +39.085.949.23.22 - info@torredelcerrano.it
IBAN: IT 11 U 08473 77000 000000306633 BIC: ICRAITRRD50
Marketing by Geminit web solutions
Foto by Mauro Cantoro